La gestione dei casi complessi nei disturbi dell’alimentazione

 
Il corso si propone di presentare le modalità previste dalla terapia cognitivo comportamentale migliorata (CBT-E) per valutare e affrontare in modo pragmatico le problematiche cliniche che coesistono al disturbo dell’alimentazione. Per favorire un apprendimento pratico verrà anche descritto un caso clinico “complesso” per illustrare le procedure e strategie che sono state utilizzate con la CBT-E.

  Scarica il depliant

Corso online
13 Crediti ECM

Se sei Socio AIDAP puoi usufruire di uno sconto ulteriore grazie alla nuova RACCOLTA PUNTI AIDAP – Per ulteriori informazioni: clicca qui
Per convertire i punti in sconti contattare la segreteria di Positive Press.

Per informazioni potete scrivere a corsi@positivepress.net oppure compilare il modulo di contatto.

COD: OTTWEB_2001

Descrizione

Corso online 23-24 Ottobre 2020

13 Crediti ECM

  Scarica il depliant

Descrizione
La nozione che esista solo un sottogruppo di “casi complessi” non si può applicare ai disturbi dell’alimentazione. Infatti, quasi tutti i pazienti affetti da disturbi dell’alimentazione possono essere considerati dei casi complessi. La maggior parte soddisfa i criteri diagnostici per uno o più disturbi psichiatrici DSM-5, in particolare la depressione clinica, i disturbi d’ansia e i disturbi da uso di sostanze, e molti attraggono la diagnosi di disturbo della personalità. Le complicazioni fisiche sono comuni e un sottogruppo ha una co-esistente e interagente patologia medica. Le difficoltà interpersonali sono la norma e l’andamento cronico del disturbo può avere un impatto fortemente negativo sullo sviluppo e sul funzionamento interpersonale della persona. Tutto questo evidenzia che la complessità è la norma piuttosto che l’eccezione nei pazienti affetti da disturbi dell’alimentazione.
Il corso si propone di presentare le modalità previste dalla terapia cognitivo comportamentale migliorata (CBT-E) per valutare e affrontare in modo pragmatico le problematiche cliniche che coesistono al disturbo dell’alimentazione. Per favorire un apprendimento pratico verrà anche descritto un caso clinico “complesso” per illustrare le procedure e strategie che sono state utilizzate con la CBT-E.

A chi è rivolto
Soprattutto a medici, biologi, dietisti, psicologi, psicoterapeuti, infermieri e tecnici della riabilitazione psichiatrica che abbiano intenzione di acquisire il know-how più aggiornato nella cura dei disturbi dell’alimentazione e dell’obesità.
Il corso adotta una modalità didattica interattiva ed esperienziale ed include una lezione frontale la mattina e attività pratiche (role play e visione di sedute) il pomeriggio.

Letture consigliate
Dalle Grave, R. Dalle Grave, R., Sartirana, M., & Calugi, S. (2019). La gestione dei casi complessi nei disturbi dell’alimentazione. Verona: Positive Press.

Programma

Venerdì 23 ottobre
09:00-11:00 CBT-E per i disturbi dell’alimentazione: una visione di insieme
11.00-11.15 Pausa caffé
11.15-13.00 Psicopatologia specifica o psicopatologia generale?
13.00-14.00 Pausa pranzo
14.00-16.00 La ricerca attuale sulla relazione tra psicopatologia specifica e psicopatologia generale nel trattamento dei disturbi dell’alimentazione
16.00-16.15 Pausa caffé
16.15-17.00 Strategie e procedure della CBT-E per affrontare la psicopatologia generale

Sabato 24 ottobre
09:00-11:00 Descrizione di un caso complesso trattato con la CBT-E
11:00-11:15 Pausa caffè
11:15-13:00 Descrizione della Fase di valutazione e preparazione alla CBT-E
13:00-14:00 Pausa pranzo
14:00-15:15 Descrizione del Passo Uno della CBT-E
15:15-15:30 Pausa ceffè
15:30-16:15 Descrizione del Passo Due della CBT-E
16:15-17:00 Descrizione del Passo Tre della CBT-E

Esame ECM: questionario a scelta multipla online

N.B. Il corso non abilita all’elaborazione di diete o piani alimentari o alla cura e al trattamento di patologie in campo nutrizionale, in assenza di precedenti ed adeguati titoli abilitanti secondo quanto disposto dalle leggi vigenti.

Costi e modalità di iscrizione

In fase di accreditamento ECM

Relatori

  • Dalle Grave Riccardo, medico e psicoterapeuta specialista in endocrinologia e scienza dell’alimentazione | Responsabile dell’Unità di Riabilitazione Nutrizionale della casa di cura Villa Garda. Direttore scientifico dell’Associazione Italiana Disturbi dell’Alimentazione e del Peso (AIDAP)
  • Calugi Simona, psicologa, psicoterapeuta e dottore di ricerca | Responsabile della ricerca clinica dell’Unità di Riabilitazione Nutrizionale della Casa di Cura Villa Garda. Presidente AIDAP e responsabile dei centri AIDAP Empoli e Firenze

Quote di iscrizione

Tipologia di partecipante
Socio Operativo AIDAP (*) 100,00 Euro + IVA (122,00 Euro)
Socio Ordinario AIDAP (*) 250,00 Euro + IVA (305,00 Euro)
Socio Professionista AIDAP (*) 300,00 Euro + IVA (366,00 Euro)
Studente (**) 200,00 Euro + IVA (244,00 Euro)
Professionista non tesserato AIDAP 350,00 Euro + IVA (427,00 Euro)

* in regola con la quota associativa AIDAP 2020
** allo studente non vengono assegnati i crediti formativi ECM